Area Verde di Villa Dante-Rimodulazione del progetto

Area Verde di Villa Dante-Rimodulazione del progetto

Con la presente nota intendiamo comunicare la necessaria rimodulazione del progetto per l’area verde a noi affidata all’interno di Villa Dante grazie all’avviso “Verde Bene Comune”.

Come si ricorderà infatti nel mese di Maggio 2018 la nostra Associazione ha  partecipato all’avviso richiedendo in gestione una porzione di Area Verde all’interno di Villa Dante situata a fronte dell’ingresso Nord della villa e, ponendo come punto di osservazione l’ingresso nord, comprendente l’intera area Verde a ridosso dell’ala Ovest dell’Arena , per tale area abbiamo presentato adeguato progetto ove è previsto l’inserimento di nuove specie arboree e l’abbellimento generale dell’area, successivamente alla presentazione del progetto si è andata strutturando l’idea, anche su proposta del nostro gruppo Supporters, di inserire all’interno dell’area dei banchi e delle sedie per lo studio all’aperto, sopperendo ad una mancanza di spazi utili in tal senso ed all’aperto all’interno della città e convinti che tale soluzione possa essere quanto di meglio per incentivare e creare le condizione adatte affinchè uno studente possa operare uno studio continuativo ed efficace.

La concessione dell’area è arrivata il 21/06/2018 con REP n.17/18, sin da subito abbiamo iniziato l’organizzazione tempistica e materiale per la realizzazione di quanto promesso e progettato, provvedendo sin da subito al reperimento di quanto necessario, indubbia la maggior difficoltà nel reperire il necessario per la realizzazione di banchi e sedie da inserire nell’area ma, con impegno umano ed economico, siamo riusciti a reperire anche tale materiale. Lo stop è arrivato qualche giorno fa quando, pronti per iniziare i lavori così da poter completare l’area alla vigilia del nuovo anno scolastico ed accademico, siamo stati contattati dal Dipartimento Arredo Urbano e Verde Pubblico che ci ha informato che non avremmo potuto procedere alla posa degli oggetti in quanto non omologati e che la responsabilità diretta per eventuali danni a persone in quell’area è a carico del Dipartimento che dunque non può permettere l’inserimento di oggetti che non ritenga idonei ed adeguati; dopo giorni di dialogo e confronto ne è emersa l’immutabilità della situazione ferme restando le posizione del Dipartimento e la nostra disponibilità di farci noi carico delle responsabilità di merito e di curare al meglio la costruzione di tali arredi.

Comprendendo le motivazione da parte del Dipartimento e prendendo atto della mancanza di cautela da parte nostra che ci avrebbe obbligato a discutere preventivamente al reperimento del materiale l’iniziativa stessa con il riferimento Istituzionale, dobbiamo d’obbligo effettuare una variazione alla progettazione riguardante l’area rispetto a quanto annunciato, limitandoci per il momento al mantenimento e potenziamento della stessa a livello arboreo e di immagine che le piante potranno dare alla zona oltre ai benefici propri delle specie botaniche in termini di vivibilità e salute. Tale variazione non deve e non può rappresentare una limitazione all’entità del progetto di recupero e rilancio che rimangono invariati e che anzi ci permetteranno di concentrarci meglio in tal senso offrendo alla città una rinnovata e potenziata area verde che possa rappresentare al meglio le potenzialità della struttura e della comunità.

Ringraziamo quanti ci hanno sin ora sostenuti in ogni forma e quanti continueranno a farlo.


Dicci la tua!